LE ZIERSCHEIBE LONGOBARDE

Articolo pubblicato su www.facebook.com/Winniler in data 26/01/2022

ATTENZIONE: si ricorda che quanto compare in questa pagina Ŕ coperto dalle vigenti norme del copyright

Zierscheibe Ŕ il termine tedesco che, in archeologia, indica i dischi ornamentali, componenti il costume femminile, diffusi nel VI secolo in area franca e alamanno-baiuvara o turingia; questo monile, che si ritiene servisse come coperchio di chiusura di una borsa sospesa alla cintura (anche se alcuni archeologi ritengono potesse anche solo essere semplicemente appeso all'abito), non mancava nelle sepolture delle donne longobarde anche se con minor frequenza rispetto ad altri gioielli del corredo tradizionale come ad esempio le fibule "a staffa" o quelle a "S".

Disegno ricostruttivo di una borsa longobarda chiusa da una Zierscheibe [tratta da "L'Esercito Longobardo 568-774 (The Lombard Army 568-774)", Marco Balbi, EMI, 1991].

Le Zierscheibe, che erano diffuse anche nell'etÓ del bronzo europea, sono note tra i longobardi giÓ ai tempi del loro stanziamento a nord del Danubio, ma non Ŕ possibile sapere se fu questo componente della moda longobarda ad influenzare la produzione delle popolazioni sopra elencate.

Particolare della nostra ricostruzione del costume femminile longobardo con borsa chiusa da Zierscheibe.

I motivi ornamentali che possiamo ritrovare sui dischi a noi giunti lasciano ipotizzare, oltre ad un uso pratico (chiusura di una piccola borsa), anche un significato apotropaico ritrovandovi una chiara simbologia solare (con raggi, simbolo utilizzato come modulo ripetuto, che non possono non portare alla mente la Runa "Sowilo", ?, nome che in antico germanico significa "Sole", divinitÓ di sesso femminile per i popoli germano-scandinavi) capace di proteggere nei cicli della vita.

Corredo della tomba femminile n.87 della necropoli di Leno (Bs), databile al VI secolo, con Zierscheibe ad 8 raggi e disegno ricostruttivo del costume femminile longobardo.

Chiudiamo facendo notare come la simbologia delle Zierscheibe abbia influenzato anche la realizzazione del mosaico, conservato al castello di Wewelsburg, noto come "Schwarze Sonne" (il "Sole Nero" rappresentante l'energia interiore dell'essere umano in relazione con il cosmo).


Zierscheibe proveniente dalla tomba n.5 della necropoli Gallo di Cividale.

Segue la descrizione dei 2 elementi [tratta da "I Longobardi", AA.VV. a cura di Gian Carlo Menis, Electa, 1990, pag.391]:

Ruota in bronzo
diametro 10,02 cm
fine VI secolo
MAN, Cividale
Inv.n.3317
Guarnizione della chiusura della borsa in cuoio. La decorazione a traforo è data da cerchi concentrici uniti tra loro.

Cerchio in osso
diametro 13 cm; 1,1 cm (spes.)
fine VI secolo
MAN, Cividale
Il cerchio racchiudeva la ruota in bronzo della guarnizione della borsa.

Zierscheibe proveniente dalla tomba n.5 della necropoli Gallo di Cividale.

Confronto tra Zierscheibe [tratto dall'articolo di Elisa Possenti, pubblicato tra gli Atti del Convegno internazionale "Prima e dopo Alboino, sulle tracce dei Longobardi", Guida Editori, 2019].

 

Lo Schwarze Sonne (il "Sole Nero"), disegno a mosaico conservato al castello di Wewelsburg ed ispirato ai motivi delle Zierscheibe.